LE NAVI

Tra le tante Navi, in servizio e non, della nostra Marina, presentiamo quelle sulle quali hanno operato i nostri Soci.

Amerigo Vespucci (A 5312)

Non chi comincia, ma quel che persevera
Nave scuola della Marina Militare, varata nel 1931 negli stabilimenti di Castellammare di Stabia.
E' la nave in servizio più anziana della Marina, nostra bandiera in tutti i mari del mondo. Compie la campagna addestrativa estiva per gli Allievi della 1^ classe dell'Accademia Navale di Livorno.
Tutti gli Ufficiali in SPE della nostra Marina hanno condiviso l'esperienza fatta di fatica, di contatto con il mare e di impegno che questa Signora del Mare fa fare.
Tra le moltissime risorse in rete relative alla nostra nave scuola, ne riportiamo alcune:

http://www.marina.difesa.it/uominimezzi/navi/Pagine/Vespucci.aspx
http://www.mondovespucci.com
http://www.congedativespucci.it
http://www.navigarenecesse.org
Giuseppe Mattei (1978-1980) Claudio Giorgi (1981)

Etna (A 5328)

Tenacemente ovunque
E' stata la quarta nave a portare questo nome.
Originariamente fu una nave per operazioni anfibie ex USS Whitley della Classe Andromeda della US Navy che costruita a Oakland nel 1944 prese parte alla seconda guerra mondiale venendo radiato nel 1955 per essere successivamente ceduta alla Marina Militare Italiana dove prestò servizio con la matricola A 5328 dal febbraio 1962 fino al 1º maggio 1973, venendo classificata come nave appoggio.
Operava con il battaglione San Marco.

Nella foto, parte del personale di macchina ripreso nel 1967.
Carlo Pegan (1965-1969)

MTF 1301


Moto Trasporto Fari 1301
Nave ex-USA (tipo da sbarco)

Nella foto Vincenzo Cardinale è quello a destra nella fila in basso
Vincenzo Cardinale (1954)

Audace (D 551)

Gloria Audaciae Comes
Cacciatorpedinere gemello dell'Ardito, varato nel 1971.
Ha effettuato una vita operativa molto intensa, percorrendo 630.000 miglia in 57.000 ore di moto.
E' stato messo in disarmo nel 2006.
Si tratta della terza nave ad aver portato questo nome.
Flavio Cerfolli (1976)

Vittorio Veneto (550)

Victoria nobis vita
Incrociatore lanciamissili operativo dal 1969 al 2003.
E' stato nave ammiraglia della flotta e ha ripreso il nome della nave da battaglia della seconda Guerra Mondiale.
Flavio Cerfolli (1977) Giuseppe D'Ettore

Libeccio (F 572)

Paveant turbinem hostes
Fregata missilistica della classe Maestrale.
E' in esercizio dal 1983 e ha percorso 650.000 miglia in operazioni.
E' la terza nave a portare questo nome.
Flavio Cerfolli (1992-1993)

Grado (L 9890)


Nave da sbarco ex-USA varata nel 1956 e entrata in servizio nella MMI nel 1972.
E' stata in servizio fino al 1988.
Flavio Cerfolli (1975)

Caorle (L 9891)


Nave da sbarco ex-USA varata nel 1957 e entrata in servizio nella MMI nel 1972.
E' stata in servizio fino al 1988.
Flavio Cerfolli (1976)

MTC 1001


Ex MZ 722, era una nave ausiliaria (Moto Trasporto Costiero) di progettazione tedesca.
Costruita a Monfalcone nel 1942, e' restata in servizio fino al 1995.

Forum BETASOM
Flavio Cerfolli (1975)

Caio Duilio (554)

Nomen numen
Incrociatore lanciamissili operativo dagli inizi degli anni '60 al 1990.

Costruito a Castellammare di Stabia, dal 1980 e' stato destinato a nave scuola per i cadetti dell'Accademia Navale.

Foto di congedo di Roberto Amadei
Giuseppe D'Ettore Roberto Amadei

Impavido (D570)

Impavidum ferient ruinae
Cacciatorpediniere lanciamissili in servizio dal 1963 1l 1992.

Prima unita' lanciamissili, insieme al gemello Intrepido, ad essere progettata in Italia.
Giuseppe D'Ettore

Indomito (D559)

Velut nomen sic corda
Cacciatoropediniere in servizio dal 1956 al 1983.

Insieme con il gemello Impetuoso fu la prima realizzazione di una unita' del tipo cacciatorpediniere in Italia nel dopoguerra.
Giuseppe D'Ettore

Alpino (F580)

Di qui non si passa
Fregata in servizio dal 1968 al 2006.

Nel 1996, dopo i lavori, venne riclassificata come nave comando e supporto delle forze di contromisure mine, ricevendo il distintivo ottico A 5384
Giuseppe D'Ettore

Canopo (F551)

Con ardire e con tenacia
Fregata in servizio dal 1958 al 1982.

Insieme con altre tre unita' gemelle, faceva parte della classe Centauro, tra le prime realizzazioni navali postbelliche.
Giuseppe D'Ettore

Garibaldi (551)

Obbedisco
Incrociatore lanciamissili in servizio dapprima nella Regia Marina (varo nel 1936), poi posto in riserva e estesamente riadattato nel periodo 1957-62 al nuovo ruolo. Radiato nel 1978. Giuseppe D'Ettore

Gelsomino (M 5535)


Dragamine della classe legni.
Il Gelsomino venne varato nel 1955 a Baglietto di Varazze.

Le prime 17 unita' di questa classe (classe Abete) furono costruite negli USA e trasferite poi alla Marina Militare.

La seconda serie di 12 unita' (classe Agave) fu costruita in Italia in vari cantieri, e tra queste c'era il Gelsomino.

La terza serie, 9 unita' classe Bambu', identica alla precedente, venne tutta realizzata a Monfalcone.
Giuseppe D'Ettore

Vischio (M 5542)


Dragamine della classe legni.
Il Vischio venne varato nel 1956 a Pietra Ligure.

Le prime 17 unita' di questa classe (classe Abete) furono costruite negli USA e trasferite poi alla Marina Militare.

La seconda serie di 12 unita' (classe Agave) fu costruita in Italia in vari cantieri, e tra queste c'era il Vischio.

La terza serie, 9 unita' classe Bambu', identica alla precedente, venne tutta realizzata a Monfalcone.
Giuseppe D'Ettore

Sibilla (F 554)


Corvetta della classe "Gabbiano", serie "Artemide", impostate nel 1941 come navi scorta per i rifornimenti al nord Africa. Delle 60 unita' previste solo 29 ne entrarono in servizio. Alla fine della guerra 24 di esse entrarono nella Marina Militare.

E' stata radiata nel 1971.
Felice Morra (1951-53)

Airone (F 545)

Nihil me retardat
Corvetta della classe "Albatros".
La sua costruzione è iniziata è iniziata nel 1953, quando il suo scafo è stato impostato, con la sigla PCE-1621, a Castellammare di Stabia, dove è stata varata il 21 novembre 1954. Consegnata alla Marina Militare il 21 novembre 1955, ha ricevuto la bandiera di combattimento dal Gruppo ANMI di Pinerolo il 29 aprile 1956. Ha prestato servizio fino al 1992. Nella Regia Marina aveva portato il nome Airone una torpediniera della Classe Spica che durante il secondo conflitto mondiale era stata affondata nella notte dell'11-12 ottobre 1940 nello scontro di Capo Passero.
Roberto Amadei (1974/75)

Grado (L 9890)


Nave da sbarco della Marina Militare, era una unità ex statunitense classificata come LST nella US Navy, entrata a far parte della Marina Militare Italiana il 17 novembre 1972 per fornire supporto alle truppe da sbarco del battaglione San Marco.
Ha operato in Vietnam.
La nave era inquadrata con la sua gemella Caorle nella IIIª Divisione Navale prestando servizio fino al 1988, quando venne posta in disarmo per essere definitivamente radiata nel 1992 e successivamente demolita.

Per le operazioni del S.Marco venivano usate le MTM (Moto Trasporto Medio) ex-USA, con equipaggio italiano (1 motorista 1 nocchiere 1 mitragliere)
Roberto Amadei (1973/74)



Nome utente

Password