Consegna della bandiera di combattimento a Nave Duilio - 22/09/2011

La cerimonia si è svolta a Gaeta in coincidenza con il raduno nazionale straordinario dell'ANMI.
Come da tradizione, la Bandiera di Combattimento e il suo pregiato cofano sono stati offerti dai gruppi ANMI della regione che più è vicina al nome dell'Unità. Eravamo presenti anche noi.

Il 22 Settembre 2011 a Gaeta, si è svolta la consegna della Bandiera di combattimento al nuovo cacciatorpediniere lanciamissili della Marina Militare Italiana "Caio Duilio". Sulla banchina Salvo d'Acquisto del porto commerciale di Gaeta erano presenti nave Caio Duilio (D554) con a bordo un elicottero EH-101, nave San Giorgio (L9892) con un SH-3D e nave Amerigo Vespucci (A5312).

Alla presenza del Capo di Stato Maggiore della Marina Ammiraglio Bruno Branciforte, al Generale Biagio Abrate C.S.M. Difesa e alla Signora Anna Piga Parisi Madrina della nave, il sindaco di Roma Ing. Giovanni Alemanno ha consegnato la bandiera di combattimento al comandante del Caio Duilio, Capitano di Vascello Paolo Pezzuti.

La nave riceve in eredità il nome di Caio Duilio, console della Repubblica romana che nel 260 a.c. fu decisivo nel corso della prima guerra punica e che aprì a Roma il dominio sui mari, grazie alle sue 120 navi che fece costruire per contrastare la potente flotta cartaginese a Milazzo dove quest'ultimi furono pesantemente sconfitti grazie alla capacità tattica dei Romani. Il suo motto "Nomen Numen" (il nome significa potenza) è sempre legato all'eroismo delle gesta del condottiero romano.

La Bandiera di Combattimento
Nel 1904, con Regio Decreto, venne concesso alla Regia Marina che ad ogni nave da guerra fosse consegnata una bandiera che prende il nome di Bandiera di combattimento. Il decreto disponeva che essa fosse di forma rettangolare, di foggia di ottima qualità o di stoffa di seta, con la scritta in bianco "Bandiera di combattimento". E' custodita in un cofano installato nell'alloggio del comandante o dell'ammiraglio a sottolinearne l'importanza ed il rispetto in cui è tenuta. Anche il cofano è un oggetto pregiato, che tradizionalmente viene realizzato con particolare cura e donato alla nave. La Bandiera di Combattimento deve essere issata in combattimento e nelle grandi solennità e rappresenta "l'anima" della nave. I cofani delle bandiere di combattimento delle navi da guerra non più in servizio, vere e proprie opere d'arte, con le rispettive bandiere di combattimento, sono custoditi a Roma, al Vittoriano, nel Sacrario delle Bandiere.

Il cacciatorpediniere Caio Duilio è la quarta Unità della Marina Militare che in ordine temporale adotta questo eroico nome. La prima Unità fu la corazzata che prestò servizio dal 1886 al 1909. Al momento della sua apparizione, con i sui cannoni da 450mm, fu ritenuta tra le più potenti navi da guerra esistenti. La seconda Unità fu la nave da battaglia varata nel 1913 e riammodernata nel 1937. Questa Unità partecipò al primo e secondo conflitto mondiale e rimase in servizio fino al 1956. La terza unità fu l'incrociatore lanciamissili varato nel 1960 ed in servizio fino al 1990.

L'attuale cacciatorpediniere Caio Duilio è stato varato il 23 ottobre 2007 ed è entrato in servizio nella squadra navale il 3 aprile 2009. Essa appartiene insieme alla gemella Andrea Doria (D554) all'omonima classe. Queste Unità sono il frutto di un progetto italo-francese denominato "Orizzonte" e rappresentano un prodotto che sintetizza in le più avanzate tecnologie cantieristiche militari moderne; entrambe le navi hanno moderne ed elevate capacità di difesa aerea e sono dotate di strutture in grado di imbarcare un comando complesso capace di operare in contesti multinazionali.

Il Caio Duilio è un'unità polivalente multiruolo, con spiccate capacità antiaeree, ma può anche operare in contesti di lotta antinave o antisommergibile, oppure di scorta al gruppo navale o a convogli di trasporto, contrasto alla pirateria navale ed anche in operazioni di protezione civile e di pubblica utilità. Aviation Report aveva avuto la possibilità di salire a bordo dell'unità navale già nel 2009 a Civitavecchia in occasione della Giornata delle Forze Armate.

Una delle caratteristiche che colpiscono di più è la particolare formula costruttiva del Caio Duilio, che come la gemella Andrea Doria, cerca di ridurre al massimo la segnatura radar dell'imbarcazione rendendola quanto più possibile "invisibile" ai radar, mantenendo un'altissima qualità, di comfort per l'equipaggio e, tenuta del mare anche in condizioni meteorologiche difficili. Come per gli aerei "stealth", sempre per abbassare la segnatura radar, sia lo scafo che le sovrastrutture sono costruite con linee molto regolari e spigolose proprio per ridurre la traccia e la riflessione radar della nave.

Il Caio Duilio è la quarta imbarcazione del progetto italo-francese Orizzonte/Horizon. Le unità francesi della Marine Nationale, al momento due come in Italia, sono la Forbin (D620) e la Chevalier Paul (D621).


(Testo tratto da http://www.aviation-report.com/dblog/articolo.asp?articolo=255)
Guarda le foto



Torna agli eventi
Nome utente

Password